Sfruttare Google Buzz per ottimizzazione SEO

E’ passato poco tempo dal lancio di Google Buzz, e pian piano si stanno scoprendo tutte le potenzialità che offre questo nuovo servizio. In questo articolo voglio concentrarmi sulle possibilità di sfruttura Buzz in ottica di ottimizzazione SEO.

  • indicizzazione –  Google non ignora i dati proveniente da Buzz. E’ logico sfruttare il proprio servizio per indicizzare velocemente nuovi contenuti. Quindi se volete indicizzare una nuova pagina o articolo, pubblicatelo in Buzz. Meglio ancora se includete nel vostro blog il tasto di condivisione Buzz.
  • chiavi di ricerca – utilizzate il servizio buzzzy.com per scoprire le chiavi di ricerca più utilizzate da includere nei tags del vostro blog.
  • link building – Google Buzz non fa uso del parametro “nofollow”. Mentre Twitter aggiunge la direttiva “nofollow” per tutti i link nei tweets.
  • Attualmente i dati pubblicati su Google Buzz non sono pubblicati in tempo reale, ma state certi che presto verrà implementata anche questa funzionalità. Quindi iniziate ad utilizzare Buzz se avete a cuore le pubblicazioni e indicizzazione in tempo reale.

In conclusione ciò che potete fare con Google Buzz si può fare anche con altri servizi già esistenti e che per alcune funzionalità sono addirittura migliore. Ma il messaggio di questo articolo è concentrato sulle potenzialità di Buzz in relazione a SEO ( ottimizzazione per i motori di ricerca ) che è sicuramente in vantaggio rispetto a Twitter e Facebook.

Admin Nokia Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *