Argo: la storia vera

Il film “Argo” è basato su eventi realmente accaduti?

È stata davvero la produzione di un film false di azione fantascientifico a contribuire alla liberazione di sei americani dall’Iran? E se è così, perché questa storia non è stata mai divulgata prima di questo film?

Storia reale di Argo:

52 americani sono stati presi in ostaggio quando gli iraniani presero d’assalto l’ambasciata americana a Teheran il 4 novembre 1979. Altri sei operai dell’ambasciata americana riuscirono a fuggire segretamente dall’edificio e sono stati accolti dall’ambasciatore canadese Ken Taylor, che ha rischiato la propria vita per tenerli nascosti dai rivoluzionari.

Argo, la storia vera
Argo, la storia vera

Dopo mesi trascorsi di nascosto in casa di Taylor a Teheran, la vita dei sei americani iniziava ad essere in pericolo minacciati da tensioni sempre più crescenti e perquisizioni casa per casa da parte dei rivoluzionari. La CIA è stato coinvolta per salvare i sei, con Tony Mendez – “specialista top” dell’agenzia – incaricato di produrre un piano di salvataggio. Questo piano segreto non è mai stato rivelato al pubblico fino al presidente Clinton. Eppure, tutti sono rimasti in gran parte inconsapevole dei veri eventi fino a quando questa vicenda non è diventata il soggetto del film Argo scritto da Chris Terrio, prodotto da George Clooney e Grant Heslov, e diretto da Ben Affleck.

Nella vera storia è stata creata una falsa società di produzione di film ad Hollywood per girare il film di fantascienza chiamato Argo. Mendez avrebbe viaggiato a Teheran mascherato da produttore del film. Ai sei americani sarebbe stata data una identità falsa di canadesi coinvolti nel film in diversi ruoli tra cui il regista, direttore della fotografia, scenografo e sceneggiatore. Con la piena collaborazione e il sostegno di Taylor e il governo canadese, Mendez è stato in grado di ingannare gli iraniani e far credere che lui con i sei ‘canadesi’ erano arrivati a Teheran solo qualche giorno prima e per rientrare ad Hollywood dopo aver effettuati dei sopralluoghi.

Affleck ammette che la storia sembra troppo strana per essere vera, ma è così che realmente il salvataggio è stato compiuto. Naturalmente nel film Argo, il regista ha esagerato in alcune scene per rendere il film ancora più coinvolgente.

Alcuni critici hanno dichiarato:

“Per raggiungere questo obiettivo [tensione e coinvolgimento], Argo rinuncia alla precisione storica, a favore dell’intrattenimento puro.”

Alcune scene nel film sono state inserite per puro effetto drammatico:

1. A metà del film, il gruppo di americani sono in giro in un mercato locale, fingendo di essere una troupe cinematografica. Qui, una scena molto tesa ha luogo, dove le loro vite sembrano essere in pericolo. Niente di tutto questo è realmente accaduto, naturalmente.

2. I biglietti del gruppo per Zurigo sono stati acquistati in anticipo dalla moglie dell’ambasciatore canadese, il film mostra una verità diversa per creare effetto drammatico.

3. Quando il gruppo sta finalmente per lasciare l’Iran, si trovano ad affrontare un incontro molto teso con i funzionari di imbarco in aeroporto. Si tratta di una scena eccellente che mostra come l’amore per il cinema non conosce frontiere, eppure è un altro pezzo che è stato completamente inventato.

4. Quando il gruppo è finalmente sull’aereo e sono molto vicini alla libertà, sono inseguiti dai militari iraniani pronti a sparare. Come avrete sospettato dalla natura stereotipata di questo finale, anche questa parte del film è stato interamente costruita senza riferimenti alla realtà.

La domanda è: dove si sarebbe fermato Argo, se il film non si fosse basato su un evento storicamente documentato? Avrebbe avuto lo stesso successo e vi avrebbe coinvolto allo stesso modo?

Cosa ne pensate? Se avete visto il film esponete il vostro parere commentando l’articolo.

Parole di ricerca chiave:

  • argo la vera storia streaming
  • argo storia vera
  • film argo storia vera
  • la vera storia di argo
  • mytrendphone it
  • streaming argo la vera storia

Admin Nokia Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *